Computer, microonde, lavatrici, lavastoviglie e console di gioco… Questi dispositivi elettronici ci offrono un comfort senza precedenti e semplificano la nostra vita quotidiana. Si accendono in pochi secondi e basta premere un pulsante per spegnerli quando non servono. Tuttavia, lo sapevi che anche da spenti, alcuni di questi elettrodomestici continuano a consumare energia? Scopri quali di seguito.

Quasi tutti agiscono allo stesso modo: dopo aver finito di usare un dispositivo elettrico, lo spegni. Ma quello che non sai è che questi dispositivi generano comunque un consumo residuo. Questo è chiamato ”  caricamento fantasma  “.

Qual è il carico fantasma di un dispositivo elettrico?

Un carico fantasma è  l’energia consumata dai tuoi dispositivi elettronici quando sono spenti e rimangono collegati a una presa elettrica. E sebbene sembri necessario offrirci ogni giorno comodità e velocità, ha comunque un prezzo. Infatti, anche se  impercettibile e invisibile , questa carica fantasma ha un impatto considerevole sui nostri portafogli. Ecco alcuni esempi di dispositivi che consumano energia anche quando sono in standby.

Quali elettrodomestici consumano elettricità anche da spenti?

Nonostante sembrino  spenti in apparenza , questi dispositivi elettrici consumano energia perché rimangono continuamente  in ”  modalità vecchia  “,  pronti a captare un nuovo segnale per ripartire senza farti aspettare troppo a lungo. Pertanto, questi dispositivi consumano energia non necessaria a nostra insaputa che potrebbe aumentare la nostra bolletta elettrica. Di seguito, troverai solo alcuni di questi dispositivi che assorbono continuamente energia, anche quando pensi che siano spenti, secondo il fornitore francese di energia rinnovabile,  ekWateur.

La scatola

Questo è uno dei dispositivi a cui non presti mai attenzione, questa scatola elettronica consuma elettricità continuamente. In standby, il consumo annuo dell’internet box può raggiungere i 61,3 kWh all’anno, che corrispondono a 6,8 euro.

Televisori

Quando si spegne il televisore , una luce rossa rimane accesa. Ciò indica che il tuo dispositivo sta solo dormendo e sta consumando energia. Il suo consumo di elettricità ammonta a 77 kWh all’anno, ovvero 8,5 euro.

Computer

Se lasci il laptop sempre collegato, rischi di sprecare una notevole quantità di elettricità. Anche spegnendolo, continua ad assorbire energia. In media,  un computer consuma 38,3 kWh all’anno, ovvero una spesa annua di 4,2 euro.

Il forno elettrico

Elettrodomestici da cucina, inclusi microonde, macchine da caffè, robot da cucina, tostapane, ecc. consumare energia, anche da spento, che può aumentare la bolletta della luce. Il forno della cucina, ad esempio, consuma 86,5 kWh all’ora, l’equivalente di 9,5 euro.

Stereo ad alta fedeltà

Un impianto hi-fi in stand-by consuma  50,4 kWh all’anno, il che si traduce in 5,6 euro sulla bolletta della luce.

console di gioco

Lasciando collegata una console di gioco, consuma circa  42 kWh all’anno, ovvero 4,6 euro di spesa.

Console di gioco collegata

Si noti inoltre che le tariffe per il consumo di energia dipendono dal prezzo corrente del proprio fornitore di energia.

Indipendentemente dal fatto che siano spenti ma collegati, questi dispositivi consumano elettricità inutilmente. E purtroppo questo consumo passivo costituisce una buona parte della bolletta energetica mensile. Secondo  ADEME ,  il carico fantasma dei dispositivi elettronici è compreso tra 300 e 500 kWh all’anno, che rappresenta l’11% della bolletta elettrica totale di una famiglia francese.

Qual è la soluzione per evitare che i nostri dispositivi elettronici consumino energia inutilmente?

Per fermare questo consumo di energia involontario, l’unica soluzione possibile è spegnere questi dispositivi, scollegandoli, se possibile, dopo aver finito di usarli. Tuttavia, dal momento che alcune persone dimenticano di farlo o lo considerano dispendioso in termini di tempo, basta installare una presa smart sleep killer che si occuperà di ridurre il sonno dei tuoi dispositivi quando li spegni, altrimenti sarebbe meglio optare per i prodotti che hanno l’  etichetta Energy Star  che consumano meno energia, sia accesi che in standby.

Come calcolare la quantità di energia consumata da un dispositivo elettronico acceso?

Per calcolare il consumo elettrico dei tuoi dispositivi, devi tenere conto della potenza del dispositivo in questione (espressa in kWh), nonché del numero di ore e giorni di funzionamento. Per stimare l’importo della tua bolletta energetica, puoi fare riferimento a questa formula:  (Numero di ore di funzionamento) x (Numero di giorni di funzionamento) x (Potenza del dispositivo in watt) / 1000.

Detto questo, per tradurre questa potenza energetica in euro, fai semplicemente il seguente calcolo:  Numero di kilowatt x Prezzo attuale per kWh di elettricità dal tuo fornitore di energia. 

Per evitare spese inutili e riuscire a risparmiare, è necessario ricordarsi di scollegare questi dispositivi elettronici non appena si finisce di usarli.