Press ESC to close

7 dispositivi da non collegare mai a una ciabatta: c’è il rischio di incendio

Le prolunghe sono diventate elementi essenziali nella nostra vita quotidiana. A casa o al lavoro, non è raro utilizzarli per far funzionare più dispositivi contemporaneamente. D’altra parte, molti vacanzieri lo usano nel loro camper. Tuttavia, è necessaria particolare attenzione quando si utilizza una prolunga. Infatti, molti dispositivi non dovrebbero essere collegati ad esso, a rischio di causare seri danni!

Scopri ora quali apparecchi non devono essere collegati a una prolunga.

Questi dispositivi non devono essere collegati a una prolunga.

Collegamento di apparecchi a una prolunga

Sebbene utile,  la prolunga  può diventare pericolosa se sovraccaricata o utilizzata in modo improprio. Può  causare danni ai dispositivi, causare un’interruzione di corrente o  addirittura  provocare un incendio .

È quindi meglio  evitare di sovraccaricare la prolunga  collegando  dispositivi che consumano energia . Troverai su tutte le prolunghe o ciabatte come molte persone amano chiamarle, etichette che specificano la potenza massima in watt (W) che possono supportare. Prima di scegliere qualsiasi prolunga, assicurati di conoscere la sua potenza massima. Inoltre, è anche consigliabile essere consapevoli della potenza dei dispositivi che vi collegherete. Se si rivelano consumare  energia , evitare di collegarli alla prolunga per evitare i rischi sopra menzionati.

Ecco i dispositivi elettrici che non devono essere collegati alla prolunga, per evitare qualsiasi rischio

Il frigorifero:  Va da sé che il frigorifero è uno degli elettrodomestici che consumano più energia elettrica (fino a 500 kWh all’anno). Poiché la sua potenza massima può essere raggiunta rapidamente, evitare di collegarlo a  una prolunga . Fai lo stesso per il congelatore.

Riscaldamento ausiliario:  Quando l’inverno è alle porte, far funzionare il riscaldamento ausiliario può essere allettante. Ricorda di collegarlo a una presa a muro anziché a una prolunga. In questo modo  si evita di sovraccaricare quest’ultimo  e provocarne  il surriscaldamento , allo stesso tempo .

La lavatrice:  sappi che una lavatrice consuma in media 191 kWh all’anno in Francia! Per evitare qualsiasi rischio di surriscaldamento, si consiglia vivamente di collegarlo a una presa a muro e non a una ciabatta. Fai lo stesso per l’asciugatrice.

Il microonde:  secondo TotalEnergies, un forno a microonde la cui potenza varia tra 1.000 e 1.500 watt può consumare in media 90 kWh all’anno. Consumando così tanta energia, è quindi preferibile non collegarlo a una prolunga.

La caffettiera:  anche se non si vede, la caffettiera è piuttosto golosa di energia elettrica, con un consumo stimato di 165 kWh/anno. Pertanto, un collegamento a una presa a muro sarebbe più che desiderabile.

Il tostapane:  Il tostapane consuma molta energia, da 500 a 1000 W/anno, se usato regolarmente (10 minuti a settimana). Come la caffettiera, non esitare a collegarla anche a una presa a muro.

Un’altra prolunga:  se ti viene in mente l’idea di collegare una prolunga a un’altra prolunga, dimenticala! Infatti, se necessario, verrà superata la potenza massima autorizzata e i rischi di incendio elettrico o folgorazione saranno notevolmente elevati!

Altri suggerimenti da considerare quando si utilizza una prolunga

Scopri di seguito alcuni consigli utili per non correre alcun rischio nell’utilizzo  di una prolunga .

  • La tua prolunga ha un pulsante di accensione/spegnimento? Poi ricordati di spegnerlo di notte o durante i giorni in cui non sei in casa. Tuttavia, assicurati che i dispositivi collegati possano fare a meno dell’elettricità durante questo periodo. In questo modo limiti  il ​​rischio di tagli o incendi riducendo  il tuo consumo di energia .
  • Sbarazzati delle prolunghe obsolete. I tuoi dispositivi elettrici possono  cadere rapidamente vittima di questo . Se una prolunga ti sembra in cattive condizioni o difettosa, sostituiscila senza ulteriori indugi! 

Ora saprai come utilizzare al meglio la tua prolunga, evitando tutti i rischi che potrebbero essere causati da un eventuale sovraccarico o uso improprio.