I lamponi sono membri deliziosi e delicati della stessa famiglia botanica della rosa e della mora. Conosciuti anche come Rubus idaeus, i lamponi contengono più vitamina C delle arance e sono ricchi di fibre. Infatti, i lamponi hanno uno dei più alti contenuti di fibre di qualsiasi alimento vegetale che costituisce circa il 20% del peso totale della bacca. Queste bacche sono anche povere di calorie, ricche di acido folico, ricche di potassio, vitamina A, calcio, beta carotene e manganese.

Il motivo principale per cui dovresti coltivare i tuoi lamponi

Molti di noi non si rendono conto che le preziose sostanze nutritive dei lamponi si degradano più a lungo vengono conservate. Ciò significa che devi consumarli non appena vengono raccolti per ottenere il massimo beneficio. Quando coltivi i tuoi lamponi, è molto probabile che tu lo faccia. E una piccola tazza di frutti di bosco freschi può soddisfare metà del fabbisogno giornaliero di vitamina C se raccolti e consumati freschi. Questo è un fantastico incentivo per coltivare queste piccole bacche speciali.

I lamponi sono anche facili da coltivare: non c’è bisogno di aver paura di coltivare questo frutto se sei nuovo nel giardinaggio. Molte cultivar di lampone sono resistenti al freddo e altre sono resistenti al calore e alla siccità. Ciò significa che non importa dove vivi, puoi trovare una varietà che fa per te. Ci sono altre buone notizie, i lamponi sono, per la maggior parte, molto resistenti alla maggior parte dei parassiti e a una serie di malattie che spesso affliggono altre piante.

Quindi cosa ti impedisce di coltivare i tuoi lamponi? Vediamo come coltivare secchi pieni di deliziosi lamponi. Segui i suggerimenti di seguito per un raccolto abbondante.

La guida completa per coltivare cestini pieni di deliziosi lamponi

Scegli il posto giusto

Decidi un’area adatta nel tuo giardino prima ancora di prendere le tue piante di lampone. Una volta stabiliti, i lamponi rimangono a lungo. Le canne di lampone hanno bisogno di supporto come una recinzione o un traliccio e dovrebbero essere addestrate inizialmente. Consideralo un investimento a lungo termine garantito per darti ricchi premi a tempo indeterminato. Una volta stabilito, una potatura annuale è tutto ciò che serve per la manutenzione.

Le piante di lampone hanno bisogno di pieno sole per avere la massima quantità di frutta. La pianta può tollerare una certa quantità di ombra, ma ciò ridurrà notevolmente la produzione di frutta. Quindi, scegli un’area che riceva molta luce solare durante il giorno.

Sono importanti anche un terreno ben drenante e una buona circolazione dell’aria, ma è necessaria una certa protezione dal vento. Piantare su una leggera pendenza è l’ideale in quanto consente un rapido drenaggio.

Scegli le piante giuste

Tradizionalmente, i lamponi preferiscono un clima più fresco, ma ora sono disponibili diverse varietà che cresceranno ovunque tra le zone USDA da 3 a 9. Assicurati di scegliere una cultivar adatta alla tua zona USDA. Il tuo centro di giardinaggio locale potrebbe essere il posto migliore per procurarti piante di lampone in vaso che sicuramente andranno bene nella tua zona.

Puoi anche ottenere varietà denominate ad alto rendimento dai coltivatori di tutto il paese, ma di solito spediscono canne a radice nuda. Questi devono essere piantati prima delle piante in vaso, cioè non appena il terreno si scioglie, quindi ricordati di effettuare l’ordine con largo anticipo.

Esistono due tipi principali di lamponi in base alla loro abitudine fruttifera.

  • Lamponi a fruttificazione estiva:  sono il tipo più comune e danno un solo raccolto all’anno, a partire dalla metà dell’estate e fino alla fine della stagione.
  • Lamponi rifiorenti:  in genere hanno due raccolti all’anno, uno in autunno e un altro l’estate successiva.

I lamponi rossi sono i più comunemente coltivati, ma si possono coltivare anche lamponi viola e neri oltre a quelli giallo oro. Poiché queste piante sono autoimpollinanti, puoi scegliere di far crescere insieme un solo tipo o più. Tuttavia, se vuoi sia frutti estivi che lamponi rifiorenti, potrebbe essere meglio coltivarli separatamente, poiché hanno requisiti di potatura diversi.

Il momento giusto per piantare

La primavera è la stagione della semina dei lamponi. Come accennato in precedenza, le canne di lampone a piedi nudi devono essere piantate all’inizio della primavera non appena è possibile lavorare il terreno. Questo darà alle canne abbastanza tempo per mettere radici e stabilizzarsi prima dell’estate.

Con le piante in vaso, aspetta che tutto il pericolo di gelo sia passato prima di piantare. Non vuoi che un gelo tardivo inaspettato ti prenda alla sprovvista e uccida le giovani piante.

Come piantare le tue canne di lampone

I lamponi sono tradizionalmente coltivati ​​su graticci, anche se alcuni permettono alle piante di vagare. Anche se potresti avere ancora qualche frutto dal tuo appezzamento, i tralicci aiutano a massimizzare la resa poiché le viti ottengono una buona esposizione al sole e circolazione dell’aria. Coltivare le tue piante in verticale facilita anche la raccolta e la potatura.

Crea un traliccio semplice ma robusto infilando un filo resistente tra due pali robusti. Man mano che le piante sparano nuove canne, attaccale ai fili con lacci di plastica o spago da giardino.

Preparare Il Buco Di Piantagione

I lamponi prosperano in terreni ricchi, quindi vale la pena preparare l’area prescelta prima di piantare. Lavora bene il terreno, aggiungendo una buona quantità di compost o letame. Scava buche larghe e profonde 18 pollici per ogni pianta. Anche se questo può sembrare eccessivo per una piccola pianta a radice nuda, tieni presente le dimensioni mature quando scavi.

Spaziare i fori a una distanza di tre piedi per dare uno spazio adeguato alla diffusione delle canne. Le varietà nere e viola sono coltivatori più vigorosi, quindi lascia quattro piedi in mezzo per queste piante.

Se hai intenzione di avere più di una fila di lamponi, lascia otto piedi tra le file per facilitare una buona circolazione dell’aria. Semplificherà anche la raccolta e la potatura.

Posiziona le piante nelle buche preparate e riempi la buca con il terreno, avendo cura di mantenere le loro corone a un centimetro dal suolo. Compatta il terreno attorno alle piante per mantenerle dritte e stabili. Quando si utilizzano canne a radice nuda, immergerle in acqua per un’ora prima della semina.

Cura del lampone dopo la semina

Una volta piantate le piante nel terreno, richiedono un po’ di cure amorevoli per decollare davvero. Il tempo che dedichi a curare le tue piante di lampone all’inizio ne varrà la pena in seguito.

Irrigazione

I lamponi preferiscono annaffiature regolari a occasionali annaffiature profonde. Questo perché sono piante con radici poco profonde. Il terreno superficiale dovrebbe sempre contenere una certa quantità di umidità per una crescita sana. Ciò è particolarmente importante quando le canne appena piantate si stanno affermando. Potrebbe essere una buona idea posizionare un tubo flessibile intorno alle piante. Tuttavia, è necessario un buon drenaggio.

Pacciamatura

Le piante di lampone dovrebbero essere pacciamate per evitare che il terreno si asciughi completamente. Sebbene non amino i piedi bagnati, l’assenza di sufficiente umidità del suolo influenzerebbe la crescita nelle piante giovani e l’allegagione in quelle mature. Uno spesso strato di pacciame attorno alle piante lo impedirà. Sopprimerà anche le erbacce e ti risparmierà un lavoro aggiuntivo.

Alimentazione

I lamponi piantati in un terreno ricco con una buona quantità di materia organica non richiedono concimazioni frequenti. Subito dopo la semina, si consiglia un’applicazione della formula organica bilanciata 10-10-10. I fertilizzanti ad alto contenuto di azoto aumenteranno la crescita vegetativa, quindi un’applicazione all’inizio della primavera può incoraggiare una crescita vigorosa.

Successivamente, dovrebbe essere sufficiente una concimazione superiore con letame organico come farina di ossa, farina di pesce, estratti di alghe, ecc. e un’applicazione primaverile di fertilizzante azotato una volta all’anno. Evita di concimare in estate e in autunno, e anche di concimare eccessivamente. Le radici superficiali tendono a bruciarsi facilmente.

Raccolta dei lamponi

Non devi aspettare troppo a lungo per il tuo primo assaggio di lamponi fatti in casa. Normalmente puoi aspettarti un raccolto estivo ragionevole nel secondo anno di semina perché queste piante producono frutti su canne di due anni.

Se hai piantato lamponi in vaso di 2 anni, potrebbero produrre un piccolo raccolto nella prossima stagione. Le piante di lampone rifiorenti danno frutti sui loro nuovi germogli, quindi potrebbero persino darti un piccolo raccolto autunnale nel primissimo anno.

Il caldo estivo accelera la maturazione delle bacche e potrebbero essere pronte per la raccolta in due settimane. Le bacche morbide si ammaccano facilmente, quindi devono essere raccolte delicatamente a mano. Non è necessario tirare o tirare con forza le bacche. Quando sono pronte, dovrebbero staccarsi facilmente dalla mano con un leggero tocco.

A partire dall’inizio dell’estate potresti dover raccogliere le bacche a giorni alterni. Non esitate a mangiarne un po’ direttamente dal cespuglio. Questo è il modo migliore per gustare queste prelibatezze. Se hai più di quanto puoi gestire, considera prima la condivisione, il congelamento o la preparazione di alcune conserve.

Se decidi di conservare le bacche per un uso successivo, assicurati che siano asciutte quando le raccogli. Anche la minima quantità di umidità favorirà la crescita della muffa e rovinerà le bacche. Se mantenute asciutte, le bacche dureranno in frigorifero fino a cinque o sei giorni. Lavali solo appena prima di usarli. Oppure lasciarli asciugare all’aria dopo il lavaggio e congelarli in un unico strato. Frutti di bosco congelati e un delizioso tocco di dolcezza ai frullati.

Potatura

La potatura è necessaria per una coltivazione di lamponi di successo. Le piante rampicanti producono meno frutti perché viene spesa più energia per la crescita vegetativa. Degli innumerevoli tralci che spuntano dalla pianta, la maggior parte va potata selettivamente, lasciandone solo pochi sani.

Oltre a mantenere una buona forma, la funzione più importante della potatura del lampone è garantire una buona allegagione e frutti più grandi.

Diamo un’occhiata un po’ più da vicino all’abitudine di crescita delle piante di lampone per capirlo.

Le canne di lampone hanno due fasi di crescita. Il primo anno, le nuove canne crescono solo vegetativamente. Questi sono chiamati primocane e rimangono verdi. Possono crescere da cinque a sei primocani sani per pianta e sono legati al supporto.

Questi rami matureranno entro il secondo anno, diventando gradualmente marroni nel processo. Vengono quindi chiamati floricani. Vengono potati per favorire la ramificazione prima della primavera successiva. Questo li prepara alla fioritura e alla fine a dare frutti durante l’estate.

Il principale evento di potatura avviene dopo il raccolto. Una volta che la fruttificazione è terminata, le canne di 2 anni non hanno alcuno scopo utile e alla fine moriranno. Spetta a noi rimuoverli alla fine della stagione per fare spazio al prossimo lotto di canne. Un’accurata potatura annuale garantisce raccolti abbondanti ogni anno.

Potare le canne esaurite non è così difficile come sembra. Per prima cosa, sono facili da distinguere dalle canne di 1 anno per il loro colore marrone. Tutto quello che devi fare è tagliarli a terra. Puoi farlo in qualsiasi momento tra la fine del raccolto e la prossima primavera.

Tuttavia, le varietà rifiorenti richiedono un approccio leggermente diverso. Le nuove canne danno un raccolto autunnale nel primo anno e poi danno un altro raccolto nell’estate successiva. Pertanto i tralci non vanno rimossi dopo la loro prima fruttificazione, ma solo leggermente potati all’inizio della primavera per favorire la ramificazione e l’allegagione estiva.

Proteggi il tuo raccolto

Se non proteggi il tuo raccolto potresti scoprire che gli uccelli ti derubano prima che tu abbia la possibilità di raccogliere i tuoi frutti. Se questo diventa un problema, usa le reti per proteggere il tuo raccolto. Potrebbe anche essere necessario utilizzare la rete di pollo per impedire ai conigli di mordicchiare i teneri germogli primaverili.

Controllo di insetti e parassiti

Un certo numero di malattie fungine può colpire i lamponi, il più distruttivo dei quali è il marciume radicale. Il terreno impregnato d’acqua predispone le piante a questa malattia, caratterizzata da improvviso appassimento e morte della pianta. Questo è uno dei motivi per cui un drenaggio eccellente è così importante.

Il sovraffollamento può anche incoraggiare le infezioni fungine. Rimuovi tutte le canne e i rami non necessari per favorire una buona circolazione dell’aria intorno alle piante. Durante l’irrigazione, evitare di bagnare le foglie. La potatura tempestiva e la pulizia regolare intorno alle piante aiutano a prevenire in una certa misura parassiti e malattie. Puoi anche acquistare varietà vegetali resistenti. Coleotteri giapponesi e acari di ragno possono occasionalmente disturbare i lamponi, soprattutto in estate. Tienili d’occhio e controlla se necessario.

Individuare e rimediare alle carenze nutrizionali

Le malattie da carenza sono rare nei lamponi che coltivano terreni ricchi di materia organica. Se vedi foglie ingiallite e steli deboli, una dose extra di azoto applicata in primavera dovrebbe occuparsene.

Le carenze nutrizionali potrebbero non essere sempre dovute alla mancanza di qualsiasi nutriente specifico nel terreno. La loro disponibilità per la pianta può dipendere da vari fattori, il più importante dei quali è il pH del terreno.

I lamponi crescono bene in terreni leggermente acidi (tra pH 5-5 e 6,5), ma sia i terreni altamente acidi che quelli alcalini possono impedire alla pianta di prosperare. È una buona idea testare il terreno e modificarlo, se necessario.

I lamponi sono uno dei frutti più facili da coltivare, producono un raccolto abbondante e sono ricchi di valore nutrizionale. Segui questi semplici passaggi e goditi le tue bacche appena raccolte durante tutta la stagione di crescita.