Il tomatillo, chiamato anche tomatillo (piccolo pomodoro) o Physalis, fu addomesticato dagli Aztechi. I tomatillos sono classificati nella famiglia della belladonna e sono quindi imparentati con il pomodoro. I frutti stessi sono piccoli (delle dimensioni di una pallina da golf), sferici di colore verde o verde-viola a seconda della varietà, e ricoperti da un rivestimento ceroso leggermente appiccicoso che è molto efficace nel ridurre la perdita di umidità.

I frutti sono ulteriormente protetti da una sottile buccia verde, simile alla carta, che si è formata dal calice. Questa busta che diventa beige quando il frutto è maturo.

I frutti hanno un sapore curioso che mescola un pizzico di pomodoro verde e ananas, e sono molto usati nella cucina messicana per la salsa verde o salsa verde. I frutti sono ricchi di acido ascorbico rispetto ai pomodori. Non c’è succo nei tomatillos.

In Francia, soprattutto al nord, sarebbe meglio coltivarle in serra poiché necessitano di temperature più calde rispetto a quelle disponibili all’aperto. Raggiungeranno facilmente i 2 m di altezza in alta stagione e produrranno un raccolto abbondante di frutti nelle giuste condizioni. È meglio lasciarli crescere senza pizzicarli, purché tu abbia abbastanza spazio. Poiché le piante si disperdono facilmente, cerca di sostenerle legando delle corde attorno all’intera pianta a intervalli regolari e fornendo loro un buon palo.

tomatillo dell'ortoTanti fiori ma pochi frutti:

I tomatillos sono estremamente fioriferi, ma i raccolti fruttiferi sono piuttosto bassi a meno che tu non abbia almeno due piante, la temperatura sia abbastanza alta e ci sia un facile accesso per gli insetti. L’impollinazione manuale con un pennello o un dito non sembra funzionare. I tomatillos sono autoincompatibili e tutte le piante sono ibride.

 

Semina di semi di tomatillo:

Semina i semi in vaso in un luogo caldo, intorno ai 18°C ​​in marzo o aprile, allo stesso modo in cui semini i pomodori. Una volta germinate, continuare a coltivare le piantine a temperature più basse per evitare di crescere con steli troppo lunghi, fino a quando non sarà abbastanza caldo a fine aprile o maggio per piantarle nella loro posizione definitiva in serra. Se le stai coltivando all’aperto in un luogo che rimane mite, piantale soprattutto dopo che tutto il pericolo di gelo è passato poiché le piante sono molto sensibili al gelo.

Attenzione. In nessun caso dovresti piantare queste piante subtropicali prima dell’ultima data di gelo prevista nella tua zona. Anche allora, fornisci una copertura come una cloche o un velo per le prime settimane poiché le notti fredde e i venti causeranno danni alle piante. I giardinieri sono regolarmente diffidenti nei confronti delle gelate tardive che si verificano durante il tradizionale periodo di freddo noto come “Ice Saints”, di solito poco prima di metà maggio. Ricorda, una gelata notturna ucciderà tutte le tue piante subtropicali!!

Prendersi cura delle piante di tomatillo:

Nutrili con fertilizzante per pomodori e annaffiali bene.
Parassiti e malattie non sembrano essere un grosso problema in Francia.

Stoccaggio e raccolta:

Raccogli i tomatillos nel tardo autunno, quando il frutto si è gonfiato fino a riempire quasi il guscio cartaceo che lo circonda, che avrà cambiato colore dal verde all’abbronzatura. Mantieni intatte le bucce come protezione extra per il frutto. Rimuovi i frutti rimanenti quando la pianta inizia a morire e mettili su un davanzale soleggiato.

Stoccaggio di tomatillos.

Con la protezione del rivestimento appiccicoso e ceroso del frutto stesso e della buccia, i tomatillos si conservano in perfette condizioni per almeno 5 mesi sul davanzale della finestra.