I fertilizzanti non sono altro che quegli elementi che andremo ad aggiungere alle piante affinché restituiscano alla terra tutti quei composti che, con il tempo e le piogge, i substrati hanno perso . Ne esistono di tantissime varietà e nei nostri vivai le troveremo tutte. Ognuno di loro svolgerà la stessa funzione e sarà molto efficiente.

Ma oggi la tendenza sono i composti organici e in casa, sicuramente non l’avete notato, ce ne sono molti che possiamo usare e si possono fare molto facilmente e con pochi elementi. Uno dei più utilizzati e molto efficaci è quello realizzato con i gusci delle uova, poiché il calcio contenuto nei loro gusci è un ottimo fertilizzante.

Successivamente, ti insegneremo come fare un fertilizzante da casa tua il cui componente principale saranno i gusci delle uova , che sicuramente userai molto nei pasti. Leggi attentamente e goditi i risultati.

 

1 – Elementi necessari:

 

  • 2 litri di acqua
  • 6 gusci di sei uova
  • Sale di Epsom o solfato di magnesio
  • una bottiglia di plastica
  • un colino

2 – Procedura passo passo:

  1. Usa il guscio di sei uova, devi solo dividerle e separare i tuorli e gli albumi dai loro gusci, che proverai con la membrana interna.
  2. Nel frattempo mettete in una pentola 2 litri di acqua e portate a ebollizione fino a quando bolle.
  3. Mettete i gusci in un mortaio e cercate di calpestarli fino a quando non saranno ben macinati. Tipo di sabbia o simili.
  4. Una volta che l’acqua inizia a bollire, aggiungere la sabbia del guscio d’uovo e cuocere per almeno 5 minuti.
  5. Aggiungere anche circa 15 grammi o un cucchiaio di Sale Epsom (molto ricco di magnesio)
  6. Togliere dal fuoco e posizionare l’onda in un luogo fresco e asciutto
  7. Copri prima la pentola e lasciala riposare per 24 ore.
  8. Trascorso questo tempo procederete a filtrare il preparato e a versare l’acqua del bucato in una bottiglia di plastica.
  9. Non buttate i residui che rimangono nel colino, perché servono per appoggiarsi sulle piante, ad esempio per evitare che si avvicinino chiocciole o lumache.
  10. Con l’acqua della bottiglia procederete ad annaffiare le piante almeno una volta al mese.
  11. Se hai dell’acqua avanzata nella bottiglia, puoi conservarla in un luogo ombreggiato e riutilizzarla. Ricorda solo di batterlo un po’ prima.

Impariamo sui fertilizzanti, tipi di fertilizzanti:

Il suolo è un ecosistema perfetto. Contiene un numero di organismi diversi che interagiscono e contribuiscono niente di più e niente di meno che la continuità della vita. Esistono tre tipi di fertilizzanti: organico, chimico e naturale.

1 – Fertilizzanti organici:

Questo è di tipo o origine animale o vegetale e viene applicato direttamente sulla terra . Pertanto, i nutrienti che otterremo provengono dalla stessa terra. Aumentano la capacità porosa del terreno e prevengono o controllano i parassiti che fanno ammalare le piante. Tra i più noti c’è il letame o escrementi animali. Il compost, che è la materia organica che deriva dalla decomposizione che genera ossigeno e provoca la formazione di batteri che fermentano i rifiuti. Rifiuti trovati in casa dalla preparazione dei cibi. Infine i sovesci che provengono dalle piantagioni di fagioli che non vengono raccolti e che vengono asportati per essere inglobati nel terreno.

2 – Fertilizzanti chimici:

Deriva dalla mutazione di un elemento chimico che riscaldato si trasforma in un altro tipo di elemento. È il caso del Cianato di Ammonio che si trasforma in Nitrato di Ammonio, molto ricco di Azoto. Dobbiamo sapere che l’azoto è la materia che gli animali espellono quando urinano. Il suo utilizzo deve essere attentamente osservato e contenuto per evitare danni all’ambiente.

3 – Fertilizzanti Naturali:

Sono naturali e prodotti in modo artigianale e con ingredienti che usiamo nelle nostre cucine . Lenticchie, bucce di banana, gusci d’uovo, fondi di caffè o tè, sono solo alcuni dei più utilizzati.