Press ESC to close

Come mantenere il pane fresco più a lungo? 4 consigli pratici

Ami il pane fresco, direttamente dal panificio. Purtroppo la sua freschezza è di breve durata una volta tornato a casa. Ti penti addirittura di aver acquistato diverse baguette, perché non riesci mai a mangiarle in tempo. Una cosa è certa, il pane deve essere conservato correttamente per non indurirsi o perdere la sua consistenza morbida. Fortunatamente esistono modi semplici per conservarlo in condizioni ottimali e preservarne la freschezza. Spiegazione !

Come conservare il pane fresco per più giorni?

Fette di pane

Il pane rimane un alimento base in molte case. Che sia per preparare dei toast a colazione, dei panini a pranzo o per accompagnare un buon piatto con sugo, il pane è parte integrante della nostra alimentazione. Ma oggigiorno viene spesso messo alla prova. Nuovi tipi di farine, fermentazioni accelerate, forni elettrici o ingredienti di scarsa qualità sono tutti motivi che finiscono per raffermo, seccano o induriscono più velocemente. Ma state tranquilli, che sia acquistato o fatto in casa, ci sono vari consigli per mantenerlo fresco e morbido giorno dopo giorno.

Per informazioni : 

Innanzitutto il pane va conservato a temperatura ambiente, in un luogo asciutto e lontano dal sole. Inoltre, bisogna evitare di tenerlo in un sacchetto di plastica, soprattutto quando fa caldo, poiché ciò favorisce la formazione di vapore. L’umidità alla fine si accumula e crea un ambiente favorevole alla crescita delle muffe.

1. Patate

Il pane resterà fresco più a lungo se mettete accanto ad esso un pezzo di mela (o anche mezza patata). Mentre si asciuga, il pane manterrà la sua umidità e il suo sapore.

2. Sale

Un altro metodo conveniente è usare il sale, poiché è un potente assorbente. Se posizionato accanto al pane nell’armadio , ad esempio, rimuoverà l’umidità in eccesso e ucciderà i germi.

3. Il congelatore

Attenzione ai preconcetti! Per mantenerlo fresco il più a lungo possibile, alcune persone hanno preso l’abitudine di conservare  il pane fatto in casa in frigorifero , ma questa non è una buona soluzione. Sebbene il freddo sia in grado di prolungarne la durata, rischia allo stesso tempo di modificarne la consistenza, seccandolo prima del tempo e finendo così ad ammuffire troppo rapidamente.

Per conservarlo per diversi giorni, il congelatore rimane la soluzione migliore. Per fare questo è consigliabile tagliarlo a fette e metterle in un contenitore ermetico. Poi, per scongelare correttamente il pane, è consigliabile lasciarlo in frigorifero per tre ore, poi a temperatura ambiente.

Buono a sapersi  : una volta scongelato, il pane non rimane fresco quanto il pane non congelato. Una baguette precedentemente congelata dura generalmente dai due ai quattro giorni prima di asciugarsi.

4. La scatola del pane

Come probabilmente saprai, alcune scatole di legno sono appositamente dedicate alla conservazione del pane. Oltre a portare un tocco di stile in cucina, sono noti per mantenere fresche le tue fette di pane. E questo soprattutto grazie ai piccoli fori che favoriscono una buona circolazione dell’aria, prevenendo così lo sviluppo di muffe. Tieni presente che in questa scatola puoi  conservare il pane  (acquistato o fatto in casa) per circa tre giorni a temperatura ambiente.

3. Il sacchetto di carta

Se hai intenzione di mangiarlo il più velocemente possibile, avvolgi il pane in un sacchetto di carta sul bancone. Se preferisci che duri un po’ più a lungo, avvolgilo nella pellicola trasparente o in un sacchetto di plastica. Attenzione però, questo materiale è sconsigliato in piena estate e attenzione anche che rischia di renderlo meno croccante. Per ripristinare la crosta, mettete le vostre fette nel tostapane o nel forno per qualche minuto.

4. La borsa della biancheria

Infine, l’opzione ideale per conservare il pane è la famosa borsa in lino traspirante con chiusura. Non solo decora magnificamente il bancone della tua cucina, ma soprattutto ti permette di risparmiare sull’acquisto del sacchetto di carta o di plastica. Il lino è un tessuto leggero, resistente, durevole e lavabile. Come bonus, le sue proprietà prevengono l’umidità in eccesso. A differenza della plastica, che rende il pane più duro, il lino gli permetterà di respirare correttamente e di preservarne la freschezza. Risultato: rimarrà più croccante fuori e più morbido dentro.

Suggerimento:  se non hai un sacchetto di lino per il pane a portata di mano, andrà bene anche un tovagliolo di lino pulito e asciutto o uno strofinaccio di cotone. Assicurati solo di avvolgere strettamente il pane in modo che nessuna parte sia esposta all’aria aperta.