L’estate è buona, le zanzare lo sono meno. Questi insetti, così piccoli e che possono sembrarci insignificanti, sono tuttavia dotati di un potere formidabile: quello di turbare la nostra pace. Perché ci sono poche cose così sgradevoli quando si cerca di addormentarsi, come un ronzio che si allontana e si avvicina a intervalli dal nostro viso, e con esso la prospettiva più sgradevole che potremmo essere punti.

Cosa ci attira le zanzare? 

Le zanzare sarebbero in grado di rilevare la nostra presenza a una distanza di oltre 10 metri grazie all’anidride carbonica che rilasciamo nell’aria quando respiriamo. Utilizzerebbero anche la vista per identificarci come una massa densa da cui potrebbe provenire la CO2 e avvicinarsi un po’ a noi. Userebbero anche le loro capacità di rilevamento termico per garantire che siamo davvero un essere vivente. È anche grazie a loro che individuano il luogo ideale per pungerci.

Molte trappole per zanzare commerciali utilizzano il calore e l’anidride carbonica della combustione del propano per attirare le zanzare.

Il principio di funzionamento di questa trappola fatta in casa

Questa trappola per zanzare è molto semplice. Composto da una normale bottiglia di plastica, contiene una soluzione zuccherina e lieviti che, nutrendosi dello zucchero, producono anidride carbonica che attira le zanzare. Questi ultimi scendono lungo l’imbuto per poi ritrovarsi intrappolati, volando lungo le pareti della bottiglia ed essendo, per la maggior parte, non in grado di risalire attraverso l’imbuto nell’altra direzione. . Quindi si stancano e finiscono per cadere nel liquido e annegarci.

D’altra parte, il fatto di ricoprire la bottiglia con un foglio di cartoncino scuro e opaco contribuisce a conferirle un aspetto più credibile di preda.

Il vantaggio di questo dispositivo è che non contiene sostanze chimiche pericolose per la salute e per quella di bambini e animali. È anche economico e facile da realizzare.

In serata, le zanzare emergeranno dai loro nascondigli in cerca di possibili prede, e se per caso sentissero l’odore della scia di CO2 dalla trappola prima della tua, probabilmente la seguirebbero e sarebbero portate al loro destino.

Realizzare la trappola per zanzare 

Per realizzare questa trappola, avrai bisogno dei seguenti materiali:

— Una bottiglia di plastica vuota con una capacità di due litri, senza tappo

— Un taglierino o un paio di forbici

– Nastro adesivo

— Carta cannone nera

— 4 cucchiai di zucchero di canna

— 1 bicchiere d’acqua 

— 1 bustina di lievito secco attivo

Ecco come realizzare la tua trappola:

1. Taglia la bottiglia

Con il taglierino o le forbici tagliate a metà la bottiglia di plastica come nella foto seguente:

trappola per zanzare fatta in casa

 

2. Assembla

Metti la parte inferiore in posizione verticale quindi inserisci la parte superiore, che fungerà da imbuto, capovolta, nel corpo della bottiglia.

trappola per zanzare fatta in casa

Spingi l’imbuto verso il basso quanto basta per lasciare abbastanza spazio tra il fondo della trappola e il punto più basso del collo per contenere un bicchiere o due d’acqua e uno spazio d’aria.

3. Sigillare l’assieme

Fissare le due parti della trappola con del nastro adesivo, in modo che rimangano in posizione, ma anche per eliminare ogni possibile via di fuga per le zanzare.

trappola per zanzare fatta in casa

Quindi avvolgi il foglio di carta canson nera attorno alla trappola. Questa foglia aiuta anche a bloccare i raggi solari ea preservare più a lungo zucchero e lievito rallentandone la degradazione.

4. Preparare l’esca

Mescolare lo zucchero in acqua bollente fino a completo scioglimento. Lasciare raffreddare finché la soluzione non raggiunge una temperatura di circa 50 gradi. Se l’acqua è troppo calda, ucciderà il lievito; se fa troppo freddo, quest’ultimo non si attiverà completamente. Incorporate delicatamente il lievito e mescolate bene, quindi versate il tutto nel sifone.

Altri modi per sbarazzarsi delle zanzare

Nella tua caccia alle zanzare e per la massima efficienza, potresti utilizzare altri metodi oltre a questa trappola, di cui ecco alcuni esempi:

— Installare le zanzariere intorno ai letti e alle porte e alle finestre.

— Indossare indumenti lunghi per limitare l’esposizione alla pelle.

— Evita i vestiti scuri perché immagazzinano calore, il che non è il modo migliore per tenere lontane le zanzare.

— Usa repellenti naturali da applicare sulla tua pelle come oli essenziali (attenzione a non esagerare e diluiscili in un olio vettore o acqua!) di citronella, menta piperita, cannella o ricino che puoi mescolare con una base di olio d’oliva , amamelide o girasole.