Press ESC to close

Come riscaldare la casa senza usare il gas quest’inverno? Le 5 migliori alternative

Il riscaldamento a gas è sempre stato un’alternativa al riscaldamento elettrico, essendo meno costoso e più accessibile grazie alla rete del gas della città. Dal 1° gennaio 2022, i nuovi edifici non possono utilizzare dispositivi di riscaldamento a gas, con l’obiettivo di limitare le emissioni di gas serra a lungo termine. Quali altre alternative sono disponibili per le famiglie questo inverno di fronte a questo nuovo regolamento? Ti diciamo tutto.

Il riscaldamento a gas è senza dubbio una delle soluzioni più adottate in inverno e utilizzata dal 42% dei francesi, secondo Ademe, l’agenzia per la transizione energetica. Tuttavia, di fronte alle nuove normative e all’aumento del prezzo del gas, alcune famiglie non hanno altra soluzione che rivolgersi a nuove alternative efficienti, ecologiche e poco costose.

Come riscaldare la casa in inverno senza gas?

Di fronte a una sfida climatica sempre più importante, non utilizzare il riscaldamento a gas sembra essere una soluzione logica per molte famiglie francesi. Fortunatamente, esistono molte alternative per  stare al caldo quest’inverno  godendo di strutture innovative ed efficienti.

  • La caldaia a biomassa, una prima alternativa al riscaldamento a gas

La biomassa

A differenza del riscaldamento a gas, la biomassa funziona con il legno come combustibile ei suoi derivati ​​come segatura, corteccia o paglia. Esistono diversi formati come la caldaia a ceppi, pellet o cippato. Grazie all’impianto idraulico, la distribuzione del calore avviene in tutto l’alloggio tramite un circuito di riscaldamento centralizzato.  Come bonus, la biomassa può anche fornire acqua calda nei vari servizi igienici. Va notato che il legno può anche trasformarsi in un inquinante se bruciato in una caldaia di scarsa qualità. Si consiglia pertanto di scegliere una caldaia che soddisfi i criteri della norma NF EN 303.5 (classe 5) o con l’etichetta Flamme verte.

  • La pompa di calore, una soluzione ecologica e un’efficiente alternativa al riscaldamento a gas

La particolarità di questa apparecchiatura sta nel fatto che utilizza principalmente energie rinnovabili. Questo sistema di riscaldamento si presenta in diverse forme: aria/acqua, aria/aria e acquatermico o geotermico e deve soddisfare i requisiti del RE 2020. Funziona recuperando energia esterna dal terreno, aria e calore, acqua tramite l’evaporatore. Da quel momento in poi,  questo dispositivo aumenta la temperatura tramite il compressore e poi trasferisce questa energia  regolando la temperatura interna .  Sebbene sia una soluzione interessante per catturare e produrre calore, questo dispositivo può generare un costo finanziario significativo in termini di installazione.

  • La stufa a legna, alternativa al riscaldamento a gas, economica ed ecologica

Stufa a legna

È un’interessante alternativa al riscaldamento a gas che sfrutta lo stesso principio del caminetto. Oltre a riscaldare la casa, questa soluzione offre un design moderno ai tuoi interni. È un mezzo di riscaldamento economico ed ecologico. La stufa a legna viene alimentata con pellet o ceppi per garantire un buon rendimento termico. Per farlo funzionare  basta introdurre la legna e accendere il fuoco in modo che il calore si diffonda all’interno dell’abitazione.  Se ha conquistato molte famiglie, lo è anche per il suo lato economico.

  • Solare, un’alternativa al riscaldamento a gas

Il solare può anche essere un’altra risorsa per sopravvivere al calo delle temperature invernali. Tuttavia, ciò richiede l’installazione di un riscaldatore ausiliario per coprire il fabbisogno di riscaldamento e acqua calda. Va notato che questo sistema può offrire prestazioni notevoli a un costo inferiore. L’installazione di collettori solari e corpi scaldanti, indispensabili per la produzione di energia elettrica e l’accumulo di calore, genera tuttavia costi significativi.

  • Radiatori elettrici, un’alternativa al riscaldamento a gas

Riscaldamento elettrico

Sebbene sia pratico su base giornaliera, il riscaldamento elettrico rimane ad alta intensità energetica e può facilmente aumentare la bolletta elettrica.  Esistono versioni più economiche sotto forma di radiatori. Il modello con inerzia a secco permette di conservare il calore per diffonderlo gradualmente all’interno dell’appartamento. Tuttavia, non è obbligatorio lasciarlo  acceso tutto il giorno . I riscaldatori a fluido termovettore aumentano la temperatura degli ambienti semplicemente riscaldando un liquido all’interno del dispositivo. I riscaldatori ad accumulo, invece, si caricano durante le ore non di punta e diffondono il calore durante il giorno.

Sono ora disponibili molte alternative al riscaldamento a gas. Consentono di riscaldare le case utilizzando energie più ecologiche o addirittura rinnovabili.