Ti è mai capitato di trovarti in tasca una moneta straniera e non sapevi come ci fosse arrivata? Diverse persone si sono trovate in questo caso constatando che quella che inizialmente avevano scambiato per una moneta da 2 euro era in realtà una moneta corrente in un altro paese. In effetti, la moneta da 2 euro ha diversi “sosia” nel mondo (diametro e spessore quasi simili) e alcuni di essi possono accidentalmente finire in tasca… O, almeno, non del tutto.

Alcuni falsari, approfittando della inquietante somiglianza tra la moneta da 2 euro e alcune valute estere, utilizzano intenzionalmente questi “euro contraffatti” per ingannare commercianti e distributori automatici. E per una buona ragione, se sembrano euro, queste monete sono ben lungi dall’avere lo stesso valore monetario.

Da quali monete da 2 euro “false” bisogna diffidare?

La moneta da 1 lira turca e quella da 2 euro: differenze non così evidenti

In un tweet del 13 novembre 2022, la Guardia Civil, l’organo nazionale della gendarmeria spagnola, ha messo in guardia contro la circolazione di monete turche in Spagna. “  Queste sono lire turche. Li spacciano per monete da 2 euro a causa della loro somiglianza ma in realtà valgono solo 0,32 euro (traduzione francese)” , si legge sull’account Twitter dell’istituto militare. Già nel febbraio 2006 François Rochebloine, allora deputato della Loira, richiamava l’attenzione del Ministero dell’Economia e delle Finanze sul rischio di confusione tra  la moneta da 2 euro e la moneta da 1 lira turca messa in circolazione un anno prima. Va detto che le somiglianze (colore, spessore e diametro) tra queste due monete possono trarre in inganno i distributori e molte persone. La loro fondamentale differenza essendo il valore (1 lira turca equivaleva a 61 centesimi di euro nell’aprile 2006),  i truffatori hanno fiutato in fretta un buon affare e organizzato un traffico di monete tra la Turchia e l’Europa . Come rivelato da Michel Prieur, direttore della società numismatica parigina CGB, in un articolo su Le Monde pubblicato il 5 aprile 2006, le persone detengono e rivendono monete da 1 lira turca destinate all’uso nella zona euro.

Moneta da 1 lira turca

La moneta da 10 baht thailandesi, quasi gemella della moneta da 2 euro

Come la moneta da 1  lira turca, la moneta da 10 baht thailandesi sembra quasi identica alla moneta da 2 euro  (diametro, spessore, composizione) e sarebbe accettata dai distributori di bevande e dai parchimetri. Unico inconveniente, il suo valore: € 0,026. Da qui il grande interesse che suscita tra i falsari che lo utilizzano per ingannare le macchine o anche i commercianti che accettano pagamenti in contanti. Logicamente, queste monete che circolano finiscono nelle tasche di tutti.

Moneta tailandese da 10 baht

Monete da 2 euro false: come evitarle?

Il problema della contraffazione delle monete da 2 euro è antico quanto l’introduzione della moneta europea. Alcune di queste monete straniere, come la moneta da 10 baht thailandesi, sono più vecchie delle monete in euro. Sin dalle prime segnalazioni sono state adottate diverse misure per contrastare questa frode e con l’adozione sempre più massiccia dei pagamenti elettronici il rischio è notevolmente diminuito, senza essere del tutto scomparso. Se effettui sempre pagamenti in contanti e ricevi monete, fai attenzione  controllando ogni moneta da 2 euro  ricevuta . In effetti, è sufficiente una semplice ispezione visiva per determinare l’origine della parte, dato che ogni parte ha segni distintivi .

Non è necessario essere un esperto numismatico. La truffa della falsa moneta da 2 € può essere facilmente evitata prestando attenzione. Fai più attenzione alle monete che ti passano tra le mani oppure opta per i pagamenti elettronici, garanzia di sicurezza. Inoltre, alcune monete da 2 euro possono  valere una fortuna , quindi non esitate a dare un’occhiata!