Press ESC to close

Il segreto italiano perché la pasta non si attacchi più. Tutti commettono questo errore

La pasta italiana è parte integrante della gastronomia di tutto il mondo. Si trovano in tutte le salse in molte cucine. E se sono così apprezzati è perché sono facili e veloci da preparare. Per non parlare del fatto che sono molto gustosi e soddisfacenti. Al naturale al burro o all’olio d’oliva, gratinati con il formaggio, abbinati alle verdure, in versione bolognese o alla carbonara, non mancano le scelte per deliziare i più golosi. Unico problema: non sempre è facile ottenere una cottura al dente e spesso i nostri spaghetti tendono ad attaccarsi tra loro. Ma qual è il segreto degli italiani per evitare questo inconveniente? Per avere nel piatto una pasta perfettamente cotta e gustosa, ecco i passaggi da seguire!

Intorno alla pasta circolano da sempre molti miti. Avrete sicuramente sentito dire spesso che non si attaccano se si versa un filo d’olio nell’acqua di cottura o che devono essere messi subito sotto un getto di acqua fredda appena cotti. Stop alle idee sbagliate! Distingueremo il vero dal falso e vi sveleremo il famoso segreto degli italiani per ottenere la migliore pasta.

Qual è il segreto degli italiani affinché la pasta non si attacchi?

cuocere la pasta

La pasta  è  spesso l’opzione più veloce e deliziosa per preparare un pasto. E, come bonus, difficile stancarsi dato che puoi variare i sapori e declinarli attraverso una moltitudine di ricette. Tuttavia, per quanto possa sembrare semplice prepararli, spesso finiscono per attaccarsi alla padella durante la cottura. E non c’è niente di meno appetitoso degli spaghetti o delle penne appiccicosi, molli, eccessivamente pesanti. Quindi affidati agli italiani, gli specialisti in questo piatto culinario, per cucinare con successo la tua pasta alla perfezione.

Così, per evitare che la pasta si attacchi alla pentola o padella in cui è stata cotta, il segreto è soprattutto tener conto di alcune regole d’oro alle quali gli italiani non si discostano mai.

Innanzitutto, assicurati di scegliere una pasta di buona qualità. Anche se sono un po’ più costosi degli altri, ci sono poche possibilità che si attacchino facilmente durante la cottura. Quindi è importante far bollire una quantità sufficiente di acqua. Questo è spesso l’errore ricorrente che fanno in tanti: troppa pasta per poca acqua! Tuttavia, per 100 g di spaghetti ad esempio, ci vogliono un litro d’acqua e un cucchiaino di  sale .

Ovviamente, se la padella non è adeguata, sceglietene una più grande. Attenzione che se non c’è abbastanza acqua, l’amido rilasciato dalla pasta durante la cottura la farà attaccare. Un altro punto essenziale: aspetta sempre il processo di bollitura per immergere la tua pasta. Se l’acqua non è ancora sufficientemente bollita, è molto probabile che si attacchino nella padella.

Miti sfatati

Versare la pasta nell'acqua

Quando si tratta di cucinare, non fidatevi sempre del vostro intuito, meglio seguire le indicazioni sulla confezione, perché ogni consistenza della pasta richiede un tempo diverso. A volte può essere necessario aggiungere un minuto o due di cottura, a seconda dei gusti. Ma non prolungare ulteriormente il tempo di cottura o la tua pasta si attaccherà e diventerà troppo molle.

Una volta che la vostra pasta sarà cotta, al dente a piacere, non dimenticate di rimescolarla bene in padella. Contrariamente a quanto si crede, non è necessario aggiungere  olio  all’acqua di cottura: resterà semplicemente in superficie e non avrà particolari effetti sul distacco della vostra pasta. Al contrario, scolando, l’olio si attaccherà agli spaghetti e potrà alterarne il sapore.

Altra idea diffusa: siamo sempre stati portati a credere che sia necessario mettere la pasta sotto un getto di acqua fredda appena cotta, in modo che non si ammorbidisca. Impostore ! Il risciacquo non è sicuramente una buona idea, soprattutto se hai intenzione di mangiarli subito. Questo perché la tua pasta potrebbe perdere la sua consistenza setosa e la bontà dell’amido si indebolirà a causa dell’acqua fredda. Tuttavia, chef esperti sottolineano che se si desidera raffreddare la pasta per incorporarla in un’insalata fresca o se si prevede di mangiarla in un secondo momento, è utile sciacquarla sotto l’acqua fredda per evitare che si attacchi prima di riporla in frigorifero.