Chi di noi non apprezza una bella doccia calda in inverno? Fa sognare, solo a pensarci… Tuttavia, non ci vuole molto per rendersi conto che quest’ultimo potrebbe incidere pesantemente sulla bolletta elettrica. E di fronte all’inesorabile aumento del costo della vita, cerchiamo costantemente soluzioni che ci permettano di risparmiare. Per evitare un consumo eccessivo di energia, un piccolo cambiamento nelle abitudini può farti risparmiare fino al 15% sulla bolletta dell’acqua calda.

Cosa si dovrebbe fare allora? Significa che devi rinunciare alle docce calde? Vediamolo insieme.

Risparmia sulla bolletta energetica regolando una sola impostazione sul tuo scaldabagno. Si è possibile !

Sapevi che puoi facilmente  ridurre il consumo di energia  semplicemente regolando la temperatura del tuo scaldabagno? Ecco il suggerimento chiave.

Nel corso del tempo, il termostato del tuo scaldabagno può perdere rapidamente la regolazione. Per questo è fondamentale controllare costantemente la temperatura su cui è impostato. In altre parole, pensi che il tuo scaldabagno sia impostato a 50°C, quando in realtà è impostato a 70°C o 80°C. Tali temperature richiedono una grande quantità di energia.

In tal senso è possibile installare un sensore di temperatura, analogico o digitale, per misurare, anticipare e regolare efficacemente la temperatura.

L’ideale sarebbe un’impostazione tra 45°C e 55°C, in quanto più economica in termini di energia. Sopra i 60°C si rischia di ustionarsi e sotto i 50°C questo potrebbe costituire un rischio di legionellosi, una grave forma di polmonite i cui batteri si sviluppano in acque stagnanti regolate a temperature oscillanti tra 25°C e 45°C. Una malattia i cui sintomi ricordano quelli dell’influenza, vale a dire tosse e febbre. 

Se disponi di uno scaldabagno dotato di un piccolo serbatoio dell’acqua, potresti rimanere senza acqua calda, quindi non esitare ad aumentare leggermente la temperatura.

Regolazione di una caldaia domestica

Consumo elettrico di uno scaldabagno

Hai controllato tutti i  tuoi elettrodomestici  ; lavastoviglie, lavatrice, frigorifero… hai fatto ogni sforzo per ridurre la tua bolletta energetica, ma invano! Se le tue bollette continuano a salire, considera il tuo scaldabagno, potrebbe essere il colpevole.

Infatti, secondo ADEME, altrimenti l’Agenzia per l’ambiente e la gestione dell’energia, uno scaldabagno consuma  circa il 12% della spesa energetica di una famiglia  (dato per l’anno 2019).

Come funzionano i diversi modelli di scaldabagno?

Per ottenere un certo risparmio energetico, devi prima capire come funziona questo dispositivo.

  • Lo scaldabagno elettrico

Lo scaldabagno viene inizialmente alimentato con acqua fredda, che viene poi riscaldata mediante l’accensione di una resistenza elettrica. Quando  l’acqua diventa calda , l’apparecchio la mantiene alla giusta temperatura, grazie ad un termostato integrato. In questo modo l’acqua riscaldata arriva direttamente nella rete domestica. Quando lo usi, viene immediatamente sostituito da acqua fredda, che a sua volta verrà riscaldata alla temperatura desiderata.

Pertanto, mantenere la temperatura dell’acqua in modo che possa essere gustata in qualsiasi momento della giornata comporterà un consumo energetico permanente.

Regolazione di uno scaldabagno elettrico

  • La caldaia standard

In una caldaia tradizionale, con bollitore separato, il circuito idrico del riscaldamento è riscaldato dalla combustione del gas. In linea di principio, la caldaia produce energia termica destinata ad alimentare il soffitto, il pavimento riscaldato o anche i radiatori. Il calore prodotto viene così trasportato per mezzo di un fluido termovettore che, molto spesso, è acqua.

Questo modello è il più diffuso perché decisamente economico in termini di consumo energetico.

Regolazione di una caldaia a gas

Non esitare ad applicare questo consiglio per riprendere il controllo del tuo consumo energetico senza tracciare una linea sotto il tuo comfort.